giovedì 26 aprile 2012

Eppur si muove, lala lala là ♫

Ieri sera La7 ha trasmesso lo spettacolo di Marco Paolini Itis Galileo. Onore al merito di questa rete televisiva che ha proposto un'opera del genere in prima serata e senza interruzioni pubblicitarie, un vero servizio pubblico che probabilmente oramai solo una tv privata può permettersi.

Due ore straordinarie in cui Paolini sviscera il personaggio di Galilei in modo colto e coinvolgente.
Nel Corso dello spettacolo si parla anche di Copernico, Keplero e Tommaso Campanella... cosa collega tutti questi personaggi? Ovviamente erano tutti astrologi, Galileo compreso. Non che Paolini neghi il fatto, ben intesi, si allinea però all'ipocrisia moderna nel sostenere che Galileo si adattasse a fare oroscopi "per campare". Questo tipo di interpretazione perlomeno artificiosa dei fatti è piuttosto diffusa nell'ambiente scientifico, tanto che l'attività di astrologo del Galilei è stata perfino descritta dal alcuni come un "lato oscuro" del personaggio. Cosa ci sia di oscuro poi in una pratica svolta per decenni alla luce del sole, risultante perfino nei registri contabili di Galileo, qualcuno ce lo dovrà pur spiegare.
E così l'ottimo paolini a mio avviso prende uno scivolone quando ironizza sul fatto che il padre della fisica moderna abbia fatto oroscopi per tutta la vita, Galileo infatti non vide mai alcuna contraddizione in questo, perché dovremmo noi? Pensate forse che se l'Astrologia fosse stata per Galileo una disciplina risibile e priva di validità egli non ci avrebbe lasciato almeno una riga a riprova di questa sua opinione? Credete forse che uno che si mette nei guai con il Santi'Uffizio abbia remore ad inimicarsi gli astrologi? Possiamo pensare che uno che gli oroscopi li fa solo "per campare" si preoccupi di redigere e studiare l'oroscopo proprio e quello della figlia?
La realtà che proprio non si riesce ad accettare è che per i grandi padri della scienza moderna, come Copernico, Keplero e Galileo, l'Astrologia fosse degna di studio e rispetto. Lo stesso Paolini ad un certo punto dello spettacolo deve ammettere che gli astrologi furono i primi a comprendere ed utilizzare i calcoli copernicani perché "pare che con le tabelle di Copernico gli oroscopi venissero da dio".

Cosa tolgono poi questi preconcetti allo spettacolo di Paolini? Nulla tutto sommato. Averne di televisione così.

6 commenti:

  1. bel post..bella anche l'immagine, mi ricorda uno dei personaggi del piccolo principe....

    e ricorda:
    "va bene tutto basta che non sia un'astrologo"

    RispondiElimina
  2. Non l'ho guardato lo spettacolo,
    non so, mi pareva noioso, ma
    di sicuro mi sbaglio. Circa
    Galileo non posso che concordare
    con te, mentre bisogna essere
    indulgenti con Paolini e con
    tutti quelli che non conoscono
    l'astrologia (il punto è che
    loro non lo sono con noi).
    Soltanto chi l'ha studiata
    l'apprezza, e l'ha studiata
    poichè ad essa ed al mondo
    exoterico il più delle volte
    si era già avvicinato in vite
    passate. Come si può spiegare
    altrimenti il genio precoce
    di Mozart per la musica o
    di Picasso per la pittura....
    Gli altri, gli scettici,
    oscillano tra condanna e
    segreta curiosità, in modo
    schizofrenico direi. Ma
    fondamentalmente è solo
    per paura che si comportano
    così. Paura del mistero e
    paura di perdere l'illusione
    del libero arbitrio assoluto.

    Ho letto che in Cina, recentemente,
    sulla scorta del loro materialismo
    maoista, hanno vietato gli oroscopi
    dei quotidiani, ma solo qualche
    secolo fa rivelare l'ora di nascita
    dell'Imperatore era un crimine
    punito con la morte (perchè
    secondo l'astrologia cinese nel
    "compagno di viaggio", analogo
    all'ascendente occidentale, è riposta
    la natura più profonda dell'individuo).
    Insomma, una divulgazione razionale
    e umanistica dell'astrologia deve
    combattere scientismo da un lato
    e spinte verso il settarismo (quasi
    mai esente da derive "plutoniane"
    tendenti a servirsene per scopi di
    potere) dall'altro. Un saluto :)

    RispondiElimina
  3. Ahhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh! Perché inizio a dimenticarmi delle cose? Tragedia!
    Lo volevo vedere, saltando una serata di studio.
    Sì che sono stata presa dal pc fuori uso, uffa... grazie per il post! ^_^
    Buon week-end!

    RispondiElimina
  4. Vi ringrazio dei commenti, un saluto a tutti quanti!

    Nel prossimo post vi anticiperò il programma di quest'anno del Convegno Astrologico Torinese.

    RispondiElimina
  5. Bel post... sì sì :D

    Grazie mille per il commento, CIAO!!!

    RispondiElimina