domenica 30 ottobre 2011

Club J27

Dato il periodo vi propongo un macabro divertissement di Halloween.
Probabilmente avrete sentito parlare del Club 27 o J27, si tratta della leggenda metropolitana che collega le morti di grandi rock star scomparse all'età di 27 anni e con la lettera J nel loro nome. Il Club è tornato alla ribalta di recente per via della prematura morte di Amy Winehouse, appunto all'età di 27 anni.

Le rock star considerate facenti parte del Club J27 sono diverse ma noi ci occuperemo solo dei quattro membri canonici, ovvero quelli nati fra il '42 e il '43 e morti fra il '69 ed il '71, tralasceremo quindi le morti successive, come quella di Kurt Cobain o della Winehouse.
La leggenda del Club nacque proprio per lo scalpore che sollevò la scomparsa nell'arco di poco tempo di Brian Jones, Jimi Hendrix, Janis Joplin e Jim Morrison. Inutile menzionare la moltitudine di teorie complottiste al riguardo, una delle quali tira in ballo perfino l'allora capo dell'FBI Edgar Hoover.
Ovviamente in questa sede eviteremo di concentrarci  sulle mega cospirazioni e ci limiteremo a qualche considerazione prettamente astrologica.

martedì 18 ottobre 2011

Astrologia Oraria: intervista a Patrizia Nava

Da molto desideravo pubblicare un post sull'Astrologia Oraria, non essendo però molto esperto della materia ho preferito trattarlo sotto forma di intervista a una delle più valenti studiose di questo argomento.

Patrizia NavaHorary Craftsman, si occupa con grande serietà di Astrologia Oraria Tradizionale, collabora con periodici e tiene corsi, conferenze e seminari.
Ogni volta che ho avuto la fortuna di ascoltarla ne ho apprezzato la preparazione e le efficaci doti comunicative.


Ciao Patrizia, per cominciare ci puoi raccontare quando e in che modo l'Astrologia, ed in particolare l'Astrologia Oraria, è entrata nella tua vita?
Il mio percorso è simile a quello di molti altri astrologi che, dopo aver studiato e praticato per anni l'astrologia psicologica, con passione e soddisfazione, hanno sentito il bisogno di avvicinarsi alle origini per capire meglio. Ad un certo punto ho cominciato a provare un certo fastidio nei confronti delle tendenze ego-centriche di certa astrologia natale mal intesa (“dimmi chi sono” o, ancora peggio, “ti dirò io chi sei”...). 
Dell'Oraria, mi affascinava la capacità di riflettere sia ciò che avviene all'interno dell'individuo, sia ciò che avviene al suo esterno. Purtroppo però, ciò che passava all'epoca per “astrologia oraria” era, in Italia almeno, una forma ibrida di astrologia moderna con l'aggiunta di qualche tecnica “antica” recuperata da qualche testo del primo novecento. Ma l'astrologia oraria ha senso – e funziona davvero – solo se non viene strappata dalle sue radici tradizionali. Soltanto comprendendo i principi base dell'astrologia tradizionale (quella che oggi va di moda chiamare “astrologia classica”) si eviterà di trasformare l'Oraria in una serie di regole aride e prive di senso perché isolate dai principi e dalla visione del mondo su cui si basano. 
Da qui il desiderio di riscoprirne le origini. Ma, naturalmente, il banco di prova è stato l'esperienza concreta.

Anche fra coloro che si interessano di Astrologia molti non hanno un'idea esatta di cosa sia l'Astrologia Oraria, che spesso viene confusa con l'Astrologia Elettiva o con altre tecniche, puoi darci una spiegazione chiara su come si svolga una domanda oraria?
La carta oraria è la mappa celeste dell'istante preciso in cui una domanda viene posta e nasce, per così dire. Invece di analizzare il tema natale di una persona, l'astrologo calcola il tema natale della domanda che gli viene proposta. Questo offre indubbi vantaggi, in quanto permette di focalizzare l'attenzione unicamente sul problema in esame, eliminando dal quadro tutto ciò che non è strettamente collegato a quella questione, consentendo maggior precisione e concretezza nella risposta. Ecco perché l'astrologia oraria è usata soprattutto quando si desidera avere una risposta a una domanda precisa, come l'esito di un progetto, l'evoluzione di una relazione, i sentimenti che una persona nutre nei nostri confronti... tutte questioni a cui il tema natale, che comprende un'intera vita con tutte le sue esperienze in un lungo arco di tempo, non potrebbe rispondere in modo così specifico.
L'astrologia elettiva, al contrario, cerca di stabilire quale sia il momento migliore per iniziare una qualunque impresa, e porta quindi a scegliere un istante propizio astrologicamente per dare inizio al nostro progetto. Alcune tecniche sono simili a quelle usate per una carta oraria, per la semplice ragione che in entrambi i casi ci troviamo di fronte ad una forma particolare di carta d'evento, da leggersi secondo gli stessi principi base dell'astrologia classica. Ma il fine delle due tecniche è diverso: la carta oraria analizza la situazione attuale e la sua possibile evoluzione, la carta elettiva sceglie un momento futuro considerato favorevole per i nostri scopi.

lunedì 17 ottobre 2011

Pianeti e oli essenziali

Torno a segnalarvi un bell'articolo di Maria Santucci, astrologa e studiosa di rimedi naturali, che stavolta ci parla della connessione fra Astrologia e aromaterapia. I suoi articoli sui Chakra piacquero molto al pubblico di questo blog e sono sicuro che anche questo pezzo sarà di vostro gradimento.

sabato 1 ottobre 2011

Auguri André Barbault

Mi unisco con piacere al coro di auguri del mondo astrologico per André Barbault che oggi compie 90 anni, 76 dei quali dedicati alle stelle. Non c'è bisogno credo di ricordare l'importanza di questo autore, uno dei grandi padri dell'Astrologia moderna. Vi consiglio di visitare questa pagina del suo sito personale dove troverete numerosi articoli anche nella nostra lingua.