giovedì 10 novembre 2011

Ancora su Astrologia e Scienza

Personalmente non considero l'Astrologia una scienza, non nell'odierna comune accezione del termine almeno. Credo inoltre come molti che i mezzi di verifica scientifica mal si prestino a testare la maggior parte delle regole astrologiche, seppure con notevoli eccezioni. Ecco perché non avrei più voluto tornare su questi argomenti. Tuttavia un paio di notizie più o meno recenti, passate ovviamente quasi sotto silenzio, mi pare meritino di essere portate alla vostra attenzione.

La prima riguarda una ricerca condotta presso la Vandelbilt University che acclara la relazione fra il periodo dell'anno in cui si viene alla luce e l'orologio biologico, la tendenza o meno verso determinati disturbi comportamentali ed in generale sulla personalità del nascituro. L'autore della ricerca si è affrettato a puntualizzare che qui si parla di imprinting biologico stagionale e non certo di Astrologia... non vi sfuggirà spero l'agghiacciante idiozia di questa precisazione. Come si può dimostrare l'assioma fondamentale di ogni sistema astrologico, ovvero che il momento in cui si nasce influenza la vita di un soggetto, e poi dire che questo con l'Astrologia non c'entra nulla?
Sarebbe come documentare l'esistenza di un signore grasso vestito di rosso che una volta l'anno consegna doni a bordo di una slitta volante e poi dire che questo non c'entra assolutamente nulla con Santa Clause. Certo mi rendo conto che se chi ha eseguito la ricerca non avesse inserito quella precisazione probabilmente il suo lavoro non sarebbe stato pubblicato nemmeno su Topolino, quindi perdoniamo queste piccole ipocrisie.

La seconda notizia riguarda il famigerato esperimento Carlson, ovvero il test con doppio cieco pubblicato nel 1985 sulla prestigiosa rivista Nature, che dava risultati nettamente negativi riguardo l'attendibilità dell'Astrologia. Peccato che recenti scrupolose verifiche al lavoro di Carlson non solo abbiano sconfessato i risultati della ricerca ma li abbiano altresì completamente ribaltati, dimostrando che la veridicità dei responsi astrologici è tale da non poter essere considerata frutto della casualità.

5 commenti:

  1. Ciao Graziano. Quali sono le fonti da cui hai tratto queste informazioni?

    RispondiElimina
  2. La prima è uscita su molti siti, il primo link che mi viene sotto mano è quello de lescienze.it

    http://www.lescienze.it/news/2010/12/07/news/l_orologio_biologico_e_dettato_dalla_stagione_in_cui_si_nasce-553777/

    Riguardo alla seconda puoi leggere su astrologer.com

    http://www.astrologer.com/tests/carlson.htm

    Ciao!

    RispondiElimina
  3. Certo che dopo una lezione di linguistica che mi ha scosso parecchio la prima notizia è davvero carina, non mi viene altro termine, simpatica e all'avanguardia direi! ^_^
    Solo per lasciarti un saluto di passaggio...

    RispondiElimina
  4. Carissima, sempre in bocca al lupo per i tuoi studi, anche se mi sembra tu non ne abbia davvero bisogno!
    Un forte abbraccio, alla prossima!

    RispondiElimina
  5. Piccolo aggiornamento:
    Sulla scia dei risultati della Vandelbilt University è di oggi la notizia che anche uno studio dell'università di Bologna dimostrerebbe il collegamento fra il periodo dell'anno in cui si nasce e la tendenza alla depressione.

    RispondiElimina