martedì 18 ottobre 2011

Astrologia Oraria: intervista a Patrizia Nava

Da molto desideravo pubblicare un post sull'Astrologia Oraria, non essendo però molto esperto della materia ho preferito trattarlo sotto forma di intervista a una delle più valenti studiose di questo argomento.

Patrizia NavaHorary Craftsman, si occupa con grande serietà di Astrologia Oraria Tradizionale, collabora con periodici e tiene corsi, conferenze e seminari.
Ogni volta che ho avuto la fortuna di ascoltarla ne ho apprezzato la preparazione e le efficaci doti comunicative.


Ciao Patrizia, per cominciare ci puoi raccontare quando e in che modo l'Astrologia, ed in particolare l'Astrologia Oraria, è entrata nella tua vita?
Il mio percorso è simile a quello di molti altri astrologi che, dopo aver studiato e praticato per anni l'astrologia psicologica, con passione e soddisfazione, hanno sentito il bisogno di avvicinarsi alle origini per capire meglio. Ad un certo punto ho cominciato a provare un certo fastidio nei confronti delle tendenze ego-centriche di certa astrologia natale mal intesa (“dimmi chi sono” o, ancora peggio, “ti dirò io chi sei”...). 
Dell'Oraria, mi affascinava la capacità di riflettere sia ciò che avviene all'interno dell'individuo, sia ciò che avviene al suo esterno. Purtroppo però, ciò che passava all'epoca per “astrologia oraria” era, in Italia almeno, una forma ibrida di astrologia moderna con l'aggiunta di qualche tecnica “antica” recuperata da qualche testo del primo novecento. Ma l'astrologia oraria ha senso – e funziona davvero – solo se non viene strappata dalle sue radici tradizionali. Soltanto comprendendo i principi base dell'astrologia tradizionale (quella che oggi va di moda chiamare “astrologia classica”) si eviterà di trasformare l'Oraria in una serie di regole aride e prive di senso perché isolate dai principi e dalla visione del mondo su cui si basano. 
Da qui il desiderio di riscoprirne le origini. Ma, naturalmente, il banco di prova è stato l'esperienza concreta.

Anche fra coloro che si interessano di Astrologia molti non hanno un'idea esatta di cosa sia l'Astrologia Oraria, che spesso viene confusa con l'Astrologia Elettiva o con altre tecniche, puoi darci una spiegazione chiara su come si svolga una domanda oraria?
La carta oraria è la mappa celeste dell'istante preciso in cui una domanda viene posta e nasce, per così dire. Invece di analizzare il tema natale di una persona, l'astrologo calcola il tema natale della domanda che gli viene proposta. Questo offre indubbi vantaggi, in quanto permette di focalizzare l'attenzione unicamente sul problema in esame, eliminando dal quadro tutto ciò che non è strettamente collegato a quella questione, consentendo maggior precisione e concretezza nella risposta. Ecco perché l'astrologia oraria è usata soprattutto quando si desidera avere una risposta a una domanda precisa, come l'esito di un progetto, l'evoluzione di una relazione, i sentimenti che una persona nutre nei nostri confronti... tutte questioni a cui il tema natale, che comprende un'intera vita con tutte le sue esperienze in un lungo arco di tempo, non potrebbe rispondere in modo così specifico.
L'astrologia elettiva, al contrario, cerca di stabilire quale sia il momento migliore per iniziare una qualunque impresa, e porta quindi a scegliere un istante propizio astrologicamente per dare inizio al nostro progetto. Alcune tecniche sono simili a quelle usate per una carta oraria, per la semplice ragione che in entrambi i casi ci troviamo di fronte ad una forma particolare di carta d'evento, da leggersi secondo gli stessi principi base dell'astrologia classica. Ma il fine delle due tecniche è diverso: la carta oraria analizza la situazione attuale e la sua possibile evoluzione, la carta elettiva sceglie un momento futuro considerato favorevole per i nostri scopi.

Bisogna precisare però che la Carta Oraria ha delle proprie regole di interpretazione ben precise, è corretto?
Certamente. L'astrologia oraria è un sistema chiuso e coerente, che funziona efficacemente solo se si rispettano le sue regole interne. È impossibile ottenere risultati ottimali pretendendo di trasferire le tecniche contemporanee, spesso del tutto incompatibili, all'interno della struttura interpretativa dell'astrologia oraria classica. Si tratta infatti di un sistema finemente bilanciato: anche l'intrusione di un solo pianeta estraneo ne minerebbe l'equilibrio, e quindi l'efficacia. Pertanto, anche chi ha lunga esperienza di astrologia moderna dovrà, se intende studiare Oraria, rinunciare momentaneamente a molto di quanto ha appreso, per riabbracciare i principi tradizionali. Questo non significa affatto sminuire la validità di altre forme, più recenti, di analisi astrologica. Significa soltanto riconoscerne l'evidente diversità.
Tuttavia, è sbagliato pensare che l'Oraria sia un insieme di vecchie regole astruse da applicare meccanicamente, senza capirne la ragione, per ottenere un risultato "sicuro". Si tratta invece di una combinazione abbastanza complessa di rigore e flessibilità, in cui ogni tema è davvero un caso e sé e richiede adattabilità e creatività.

Anche se oggi non è fra le tecniche più comunemente utilizzate la Carta Oraria era parte fondamentale del lavoro quotidiano degli astrologi del passato, giusto?
Possiamo dire che si tratta senza dubbio della forma di analisi astrologica più utilizzata nel corso del Medioevo e ancora in gran voga nel Rinascimento fino alla prima Età Moderna.
Le sue origini sono più antiche, tuttavia, anche se dibattiti sono in corso riguardo alla frequenza del suo uso in periodo greco.
La sua grande fortuna è dovuta all'attendibilità dei suoi responsi anche in mancanza della data di nascita esatta della persona coinvolta, informazione solitamente impossibile da ottenere, in passato, se si eccettuano personaggi di alto rango per i quali l'astrologo di corte registrava la nascita.

Se dovessi consigliare un testo introduttivo adatto a chi voglia iniziare lo studio di questa materia?
Consiglierei il mio, naturalmente! E' di imminente pubblicazione (novembre 2011) presso la Casa Editrice F. Capone di Torino, con il titolo I semi del tempo: le relazioni amorose nell'astrologia oraria. Sebbene sia focalizzato sulle domande di relazione, il testo propone e spiega tutte le tecniche utili per leggere una carta oraria, di qualunque tipo essa sia. E' un testo accessibile ai “non iniziati”, ricco di esempi applicativi ed eminentemente pratico, che non rinuncia, però, a chiarire i motivi teorici delle scelte tecniche, con riferimenti alle fonti classiche dalle quali queste tecniche sono state mutuate. E' insieme un'introduzione e un approfondimento, un manuale rigoroso e, nel suo ambito, esauriente.


So che tieni corsi e lezioni di Astrologia Oraria, è necessario conoscere già i rudimenti dell'Astrologia per intraprendere questo cammino o si tratta di corsi aperti a tutti?
Si tratta di corsi aperti a tutti, nei quali vengono insegnate anche le basi tecniche e interpretative tradizionali necessarie per affrontare una carta oraria. Anzi, può capitare che gli allievi in maggiore difficoltà non siano i principianti, ma coloro che hanno già esperienza e sono poco disposti ad accogliere nuove modalità (in realtà antichissime!) di approccio al Tema.

Parlando più in generale, riguardo alla situazione dell'Astrologia nel nostro paese, mi pare che negli ultimi dieci anni ci sia stata una certa contrazione dell'interesse verso la nostra materia, al contempo l'impressione è quella di un generale innalzamento della qualità media all'interno delle varie realtà associative nazionali. Ti posso chiedere cosa pensi del presente e del futuro dell'Astrologia italiana?
La buona astrologia non sarà mai un fenomeno di massa. Credo che l'unico modo per garantire dignità culturale a questa disciplina sia mantenere alto il livello degli studi e delle competenze, anche a prezzo di essere tacciati, ingiustamente, di elitarismo. Ciò non significa che la divulgazione di buon livello non sia un obiettivo da perseguire con impegno, al contrario: il fiorire di Convegni e di Associazioni, piccole e grandi, di qualità, insieme all'impegno dei singoli studiosi, testimoniano l'attenzione alla necessaria diffusione di informazioni astrologiche corrette.
Cedere alla tentazione di abbassare il livello nell'illusione di rendere la disciplina più accattivante per il grande pubblico, tuttavia, potrebbe essere un errore.

12 commenti:

  1. Ringrazio Patrizia per l'intervista e spero che la troviate interessante.

    RispondiElimina
  2. questa cosa mi mancava proprio... cmq se ho capito bene è un po come quando facciamo i tarocchi.. quindi "apriamo" la carta astrale di quel momento come fosse lo smistamento delle carte..non so se mi sono spiegato bene..

    RispondiElimina
  3. Perfetto, hai colto al volo, insomma funziona sullo stesso principio di sincronicità.

    Ciao, un abbraccio!

    RispondiElimina
  4. Bella intervista!
    Mi è piaciuta molto questa frase:
    La buona astrologia non sarà mai un fenomeno di massa.
    Oltre ovviamente a tutto il discorso sull'oraria.
    Ho avuto la fortuna di provarla e m'incuriosisce molto, ma ora ho altro da studiare!!!! Comunque è un altro ramo che merita eccome approfondimento, mi segno infatti anche il libro...
    Un bacione, ciao ciao...

    RispondiElimina
  5. Sì, sono sicuro che sia un titolo da avere.

    Un bacione anche a te!

    RispondiElimina
  6. molto interessante ...mi incuriosisce.

    RispondiElimina
  7. Ciao Graziano,
    intervista iteressante e complimenti
    alla tua interlocutrice per i suoi
    studi e per la sua professionalità.
    Come sai la mia visione dell'Astrologia
    si ferma all'interpretazione del tema
    radix, o quasi (in realtà la mia
    pre-videnza mi spinge ad osservare
    anche transiti e rivoluzioni solari),
    come scrissi sul mio blog, soprattutto
    per problematiche legate alla previsione
    in sè, tout court. Di sicuro l'oraria
    sarà uno strumento efficace, a patto
    di avere qualche dote divinatoria, che
    peraltro pertiene all'astrologo capace.
    Un cordiale saluto.

    RispondiElimina
  8. Per Anonimo: sono contento che tuabbia trovato questo argomento di tuo interesse, grazie per il commento.

    @b-right: Di sicuro il libro di Patrizia me lo studierò perché mi fa sempre piacere imparare cose nuove, anche se non credo che questa sia una tecnica nelle mie corde e quindi non penso mi sentirei mai in grado di dare un responso di oraria.

    Ti saluto con affetto!

    RispondiElimina
  9. Certamente, imparare cose nuove è
    assolutamente sempre utile (la
    curiosità non mi ha ancora abbandonato
    del tutto ;)), anche perchè permette
    di fare riflessioni e collegamenti
    con ciò che già si sa e utilizzare
    magari quelle nuove informazioni in
    modo del tutto impensato, anche al
    di fuori del contesto cui appartengono.
    Ariciao!

    RispondiElimina
  10. Mi occupo di astrologia da quando avevo 17 anni.

    Ho da poco ultimato il corso di formazione di Lidia Fassio per quanto riguarda l'approfondimento della astrologia Umanistica Psicologica. Lei è davvero una delle migliori insegnanti che abbia mai sperimentato. Una Grande dell'Astrologia.

    Mi ha però molto colpita questa intervista incuriosendomi molto sull'aspetto del funzionamento dell'astrologia oraria che, a mio avviso, si avvicina di molto al principio sincronico dei tarocchi.

    Acquisterò di certo il libro, saluti

    Marina

    RispondiElimina
  11. Cara Marina mi fa piacere abbia trovato interessante l'intervista.

    Un caro saluto!

    RispondiElimina