sabato 17 settembre 2011

Astrologia in Giappone

Questo è l'ultimo dei post che ho deciso di dedicare al mio viaggio in Giappone.
Già prima di partire sapevo che l'Astrologia non è molto conosciuta in questo paese, ho comunque cercato di trovare in loco ogni notizia al riguardo, obbedendo a quella che potremmo definire deformazione professionale.
La prima cosa che ho appreso è che il metodo principale usato dai giapponesi per indagare le attitudini caratteriali e le compatibilità amorose non è l'oroscopo ma bensì lo studio del gruppo sanguigno. Ho trovato innumerevoli riferimenti al riguardo nella cultura pop giapponese. Ad esempio la boy band dei News nel testo della hit Koi no ABO spiega che chi ha il gruppo A è metodico e timido, B sarà uno spirito libero e sognatore, AB sarà contraddittorio come Jekyll e Hyde, mente chi ha gruppo zero sarà orgoglioso e romantico. Invece nella serie tv poliziesca Kiina la detective dell'impossibile Kiina Haruse afferma che quelli che hanno gruppo sanguigno A sono maggiormente soggetti a contrarre malattie infettive e quindi svilupperanno amore per la pulizia e l'ordine, ma il suo scettico collega la liquida dicendole che solo i giapponesi credono a questa roba.

Anche se lo studio del gruppo sanguigno come mezzo di analisi psicologica è molto diffuso in Giappone questo non vuol dire che l'Astrologia sia sconosciuta.
Prima di partire supponevo che, data la vicinanza, in Giappone si praticasse l'Astrologia Cinese, ho scoperto invece con sorpresa che è L'Astrologia occidentale a farla da padrona. L'ultima pagina delle riviste nipponiche infatti, come avviene in tutto il mondo, è dedicata all'oroscopo.
L'Astrologia fa anche capolino nei fumetti, la protagonista del popolare manga Hana Yori Dango ad esempio riceve in dono dal suo innamorato un ciondolo che raffigura Saturno perché, le spiega lui, ha letto su un libro che i loro destini sono accomunati da questo stesso pianeta (Capricorno lei, Acquario lui).

A Tokyo ogni volta che capitavo in una libreria andavo a frugare in cerca di qualche testo astrologico, che comunque non avrei saputo leggere ma che molto avrebbe sollazzato il mio feticismo collezionistico. In verità non ho avuto successo, evidentemente le librerie nipponiche sotto il profilo dell'Astrologia sono messe ancor peggio di quelle italiane... Ho constatato invece che anche gli scaffali di Tokio sono colmi di titoli sulla fine del mondo, da quel che ho capito però gli studiosi giapponesi sembrano puntare sul 2013 come data dell'apocalisse, con buona pace dei Maya che dovranno riuscire a farsene una ragione.

4 commenti:

  1. Ma come 2013????
    E io che avevo già preparato
    tutto per il 2012...hahah!!!

    Guarda che so' strani eh!!
    Va a finire che, per sto
    "bastiancontrarismo", devo
    aggiungere ai Giapponesi
    dei valori Acquario/Urano.

    Vabbè, comunque ca va
    sans dire che io ci ho
    il gruppo ed il fattore
    adeguati: A+ (positivo)
    hahah!!!! sicuramente
    ci saranno delle diversità
    tra i gruppi, ma fino
    ad arrivare a sottigliezze
    psicologiche mi sembra
    assurdo, comunque non
    voglio giudicare senza
    conoscere bene.

    Un saluto da uno eccezionalmente
    ridanciano e non come al solito
    plumbeo B-right.

    RispondiElimina
  2. Beh guarda, certo che adesso lo studio dei gruppi sanguigni non è che diventi il nostro primo pensiero, vivevamo anche senza... diciamo che lo prendiamo per quel che è, una curiosità.

    Secondo me Giagobbo a Voyager dovrebbe cominciare a portarsi avanti e tirare su un bel puntatone sul 2013 ;-)

    Ciao!

    RispondiElimina
  3. Sullo studio dei gruppi sanguigni me ne ha parlato la mia erborista, presissima da questa teoria e indirizzata però più che altro al consiglio e all'eliminazione di alcuni cibi dalla dieta personale, proprio in base al gruppo sanguigno.
    Mi ha un po' deluso questa notizia sull'astrologia giapponese, nel mio immaginario pensavo che Saturno fosse un amico di famiglia, così come Urano, Venere ecc... mmmh, strani davvero!
    Un bacione, ritorno ai romani con letteratura latina, molto strani pure loro eh!! :-P

    RispondiElimina
  4. In bocca al lupo per la letteratura latina allora, un abbraccio!

    RispondiElimina