lunedì 12 dicembre 2011

Scrutando gli Astri dal Faro di Finisterre

"La scrittrice Barbara Alberti ha scelto l'esilio. Era da tempo nota la sua decisione di ritirarsi dal mondo. Vive nel faro di Capo Finisterre, all'estremo occidente della Spagna. Da questo luogo l'esule Barbara Alberti continuerà a tenere vivo il contatto con le donne che la interpellano per consigli in questioni di cuore e qualche suo raro amico"

Con queste parole inizia ogni fine settimana La Guardiana del Faro su Radio24. Essendo io per ragioni generazionali poco affine al mezzo radiofonico ascolto il programma tramite podcast, che non manco di scaricare ogni qualvolta sia disponibile un nuovo episodio.

Quelli che non provano simpatia per la Alberti televisiva la rivaluteranno, coloro invece che amano la Alberti scrittrice saranno deliziati. Chi scrive queste righe considera Barbara Alberti un suo faro personale e ne parla quindi con fiera partigianeria.


Ad arricchire ulteriormente questo appuntamento è arrivato da qualche settimana al Faro un nuovo fantomatico personaggio, si tratta del giovane ortolano/astrologo Robert de Saint-Loup (chi si nasconderà sotto questo pseudonimo?) che regala fresche ed intelligenti considerazioni stellari.

giovedì 1 dicembre 2011

Snoopy e le stelle

Se cercate libri di Astrologia sull'iBook Store troverete decine di titoli in inglese, francese, tedesco e spagnolo. Quanti pensate che ne troverete invece nella nostra lingua? Uno.
Curioso che in un paese come l'Italia, dove meno di un dodicesimo della popolazione frequenta con regolarità una libreria, si stenti tanto a cogliere le opportunità offerte dai nuovi mezzi tecnologici. E pensare che proprio i generi di nicchia sono quelli che potenzialmente hanno più da guadagnare da questi nuovi canali di distribuzione. Per i testi di Astrologia è da sempre cronicamente difficile trovare spazio sugli scaffali delle librerie, ma quanto sarebbe più semplice approfittare di una libreria come quella virtuale?
In attesa che qualche illuminato editore italico si decida a sbarcare nel presente con dei testi virtuali di Astrologia ci limiteremo a menzionare quell'unico al momento disponibile.

Peanuts e Astrologia di Stefano Rubino è un libricino che associa ad ogni segno zodiacale uno degli immortali personaggi di Charles Shulz. Ovviamente si tratta di un testo divulgativo, adatto a chi voglia imparare qualcosa sul segni zodiacali attraverso una lettura leggera ma comunque non priva di un certo approfondimento psicologico. Lo potrete reperire attraverso i maggiori canali di distribuzione di libri elettronici, in online reading o in formato .pdf, è disponibile anche un breve estratto da scaricare gratuitamente.
Speriamo che questo sia solo il primo dei molti libri di Astrologia che vorremmo veder approdare sui nostri iPad e Kindle.

giovedì 10 novembre 2011

Ancora su Astrologia e Scienza

Personalmente non considero l'Astrologia una scienza, non nell'odierna comune accezione del termine almeno. Credo inoltre come molti che i mezzi di verifica scientifica mal si prestino a testare la maggior parte delle regole astrologiche, seppure con notevoli eccezioni. Ecco perché non avrei più voluto tornare su questi argomenti. Tuttavia un paio di notizie più o meno recenti, passate ovviamente quasi sotto silenzio, mi pare meritino di essere portate alla vostra attenzione.

La prima riguarda una ricerca condotta presso la Vandelbilt University che acclara la relazione fra il periodo dell'anno in cui si viene alla luce e l'orologio biologico, la tendenza o meno verso determinati disturbi comportamentali ed in generale sulla personalità del nascituro. L'autore della ricerca si è affrettato a puntualizzare che qui si parla di imprinting biologico stagionale e non certo di Astrologia... non vi sfuggirà spero l'agghiacciante idiozia di questa precisazione. Come si può dimostrare l'assioma fondamentale di ogni sistema astrologico, ovvero che il momento in cui si nasce influenza la vita di un soggetto, e poi dire che questo con l'Astrologia non c'entra nulla?
Sarebbe come documentare l'esistenza di un signore grasso vestito di rosso che una volta l'anno consegna doni a bordo di una slitta volante e poi dire che questo non c'entra assolutamente nulla con Santa Clause. Certo mi rendo conto che se chi ha eseguito la ricerca non avesse inserito quella precisazione probabilmente il suo lavoro non sarebbe stato pubblicato nemmeno su Topolino, quindi perdoniamo queste piccole ipocrisie.

La seconda notizia riguarda il famigerato esperimento Carlson, ovvero il test con doppio cieco pubblicato nel 1985 sulla prestigiosa rivista Nature, che dava risultati nettamente negativi riguardo l'attendibilità dell'Astrologia. Peccato che recenti scrupolose verifiche al lavoro di Carlson non solo abbiano sconfessato i risultati della ricerca ma li abbiano altresì completamente ribaltati, dimostrando che la veridicità dei responsi astrologici è tale da non poter essere considerata frutto della casualità.

domenica 30 ottobre 2011

Club J27

Dato il periodo vi propongo un macabro divertissement di Halloween.
Probabilmente avrete sentito parlare del Club 27 o J27, si tratta della leggenda metropolitana che collega le morti di grandi rock star scomparse all'età di 27 anni e con la lettera J nel loro nome. Il Club è tornato alla ribalta di recente per via della prematura morte di Amy Winehouse, appunto all'età di 27 anni.

Le rock star considerate facenti parte del Club J27 sono diverse ma noi ci occuperemo solo dei quattro membri canonici, ovvero quelli nati fra il '42 e il '43 e morti fra il '69 ed il '71, tralasceremo quindi le morti successive, come quella di Kurt Cobain o della Winehouse.
La leggenda del Club nacque proprio per lo scalpore che sollevò la scomparsa nell'arco di poco tempo di Brian Jones, Jimi Hendrix, Janis Joplin e Jim Morrison. Inutile menzionare la moltitudine di teorie complottiste al riguardo, una delle quali tira in ballo perfino l'allora capo dell'FBI Edgar Hoover.
Ovviamente in questa sede eviteremo di concentrarci  sulle mega cospirazioni e ci limiteremo a qualche considerazione prettamente astrologica.

martedì 18 ottobre 2011

Astrologia Oraria: intervista a Patrizia Nava

Da molto desideravo pubblicare un post sull'Astrologia Oraria, non essendo però molto esperto della materia ho preferito trattarlo sotto forma di intervista a una delle più valenti studiose di questo argomento.

Patrizia NavaHorary Craftsman, si occupa con grande serietà di Astrologia Oraria Tradizionale, collabora con periodici e tiene corsi, conferenze e seminari.
Ogni volta che ho avuto la fortuna di ascoltarla ne ho apprezzato la preparazione e le efficaci doti comunicative.


Ciao Patrizia, per cominciare ci puoi raccontare quando e in che modo l'Astrologia, ed in particolare l'Astrologia Oraria, è entrata nella tua vita?
Il mio percorso è simile a quello di molti altri astrologi che, dopo aver studiato e praticato per anni l'astrologia psicologica, con passione e soddisfazione, hanno sentito il bisogno di avvicinarsi alle origini per capire meglio. Ad un certo punto ho cominciato a provare un certo fastidio nei confronti delle tendenze ego-centriche di certa astrologia natale mal intesa (“dimmi chi sono” o, ancora peggio, “ti dirò io chi sei”...). 
Dell'Oraria, mi affascinava la capacità di riflettere sia ciò che avviene all'interno dell'individuo, sia ciò che avviene al suo esterno. Purtroppo però, ciò che passava all'epoca per “astrologia oraria” era, in Italia almeno, una forma ibrida di astrologia moderna con l'aggiunta di qualche tecnica “antica” recuperata da qualche testo del primo novecento. Ma l'astrologia oraria ha senso – e funziona davvero – solo se non viene strappata dalle sue radici tradizionali. Soltanto comprendendo i principi base dell'astrologia tradizionale (quella che oggi va di moda chiamare “astrologia classica”) si eviterà di trasformare l'Oraria in una serie di regole aride e prive di senso perché isolate dai principi e dalla visione del mondo su cui si basano. 
Da qui il desiderio di riscoprirne le origini. Ma, naturalmente, il banco di prova è stato l'esperienza concreta.

Anche fra coloro che si interessano di Astrologia molti non hanno un'idea esatta di cosa sia l'Astrologia Oraria, che spesso viene confusa con l'Astrologia Elettiva o con altre tecniche, puoi darci una spiegazione chiara su come si svolga una domanda oraria?
La carta oraria è la mappa celeste dell'istante preciso in cui una domanda viene posta e nasce, per così dire. Invece di analizzare il tema natale di una persona, l'astrologo calcola il tema natale della domanda che gli viene proposta. Questo offre indubbi vantaggi, in quanto permette di focalizzare l'attenzione unicamente sul problema in esame, eliminando dal quadro tutto ciò che non è strettamente collegato a quella questione, consentendo maggior precisione e concretezza nella risposta. Ecco perché l'astrologia oraria è usata soprattutto quando si desidera avere una risposta a una domanda precisa, come l'esito di un progetto, l'evoluzione di una relazione, i sentimenti che una persona nutre nei nostri confronti... tutte questioni a cui il tema natale, che comprende un'intera vita con tutte le sue esperienze in un lungo arco di tempo, non potrebbe rispondere in modo così specifico.
L'astrologia elettiva, al contrario, cerca di stabilire quale sia il momento migliore per iniziare una qualunque impresa, e porta quindi a scegliere un istante propizio astrologicamente per dare inizio al nostro progetto. Alcune tecniche sono simili a quelle usate per una carta oraria, per la semplice ragione che in entrambi i casi ci troviamo di fronte ad una forma particolare di carta d'evento, da leggersi secondo gli stessi principi base dell'astrologia classica. Ma il fine delle due tecniche è diverso: la carta oraria analizza la situazione attuale e la sua possibile evoluzione, la carta elettiva sceglie un momento futuro considerato favorevole per i nostri scopi.

lunedì 17 ottobre 2011

Pianeti e oli essenziali

Torno a segnalarvi un bell'articolo di Maria Santucci, astrologa e studiosa di rimedi naturali, che stavolta ci parla della connessione fra Astrologia e aromaterapia. I suoi articoli sui Chakra piacquero molto al pubblico di questo blog e sono sicuro che anche questo pezzo sarà di vostro gradimento.

sabato 1 ottobre 2011

Auguri André Barbault

Mi unisco con piacere al coro di auguri del mondo astrologico per André Barbault che oggi compie 90 anni, 76 dei quali dedicati alle stelle. Non c'è bisogno credo di ricordare l'importanza di questo autore, uno dei grandi padri dell'Astrologia moderna. Vi consiglio di visitare questa pagina del suo sito personale dove troverete numerosi articoli anche nella nostra lingua.


sabato 17 settembre 2011

Astrologia in Giappone

Questo è l'ultimo dei post che ho deciso di dedicare al mio viaggio in Giappone.
Già prima di partire sapevo che l'Astrologia non è molto conosciuta in questo paese, ho comunque cercato di trovare in loco ogni notizia al riguardo, obbedendo a quella che potremmo definire deformazione professionale.
La prima cosa che ho appreso è che il metodo principale usato dai giapponesi per indagare le attitudini caratteriali e le compatibilità amorose non è l'oroscopo ma bensì lo studio del gruppo sanguigno. Ho trovato innumerevoli riferimenti al riguardo nella cultura pop giapponese. Ad esempio la boy band dei News nel testo della hit Koi no ABO spiega che chi ha il gruppo A è metodico e timido, B sarà uno spirito libero e sognatore, AB sarà contraddittorio come Jekyll e Hyde, mente chi ha gruppo zero sarà orgoglioso e romantico. Invece nella serie tv poliziesca Kiina la detective dell'impossibile Kiina Haruse afferma che quelli che hanno gruppo sanguigno A sono maggiormente soggetti a contrarre malattie infettive e quindi svilupperanno amore per la pulizia e l'ordine, ma il suo scettico collega la liquida dicendole che solo i giapponesi credono a questa roba.

Anche se lo studio del gruppo sanguigno come mezzo di analisi psicologica è molto diffuso in Giappone questo non vuol dire che l'Astrologia sia sconosciuta.
Prima di partire supponevo che, data la vicinanza, in Giappone si praticasse l'Astrologia Cinese, ho scoperto invece con sorpresa che è L'Astrologia occidentale a farla da padrona. L'ultima pagina delle riviste nipponiche infatti, come avviene in tutto il mondo, è dedicata all'oroscopo.
L'Astrologia fa anche capolino nei fumetti, la protagonista del popolare manga Hana Yori Dango ad esempio riceve in dono dal suo innamorato un ciondolo che raffigura Saturno perché, le spiega lui, ha letto su un libro che i loro destini sono accomunati da questo stesso pianeta (Capricorno lei, Acquario lui).

venerdì 9 settembre 2011

IV Convegno Apotélesma

Vi segnalo che sabato 29 ottobre 2011 a Genova si terrà il quarto convegno annuale dell'Associazione Culturale Apotélesma.
Il programma si presenta come di consueto ghiotto, e di sicuro sarà di gradimento per i cultori dell'Astrologia Classica e anche per tutti gli altri.
Fra i relatori Lucia Bellizia e Giancarlo Ufficiale, che proporranno rispettivamente un lavoro sulle comete e le opinioni su di esse espresse dai diversi autori (so che Lucia si è allungo documentata su questo argomento) ed una trattazione sulle geniture di 73 astronomi. Saranno inoltre presenti Giuseppe Bezza che parlerà di iatromatematica (quella che più comunemente potremmo definire Astrologia Medica), e poi Marco Fumagalli, Gabriele Vanin e Gabriele Ruscelli che tratterà della correlazione fra Marte ed il successo nelle competizioni sportive. L'offerta insomma è come sempre di alto livello, per ogni ulteriore informazione sull'evento vi rimando alla pagina del convegno.

lunedì 15 agosto 2011

Alexandra e i viaggiatori uraniani

Capisco che trattare il tema del viaggio in questo periodo dell'anno (per lo più nel giorno di Ferragosto!) possa sembrare a dir poco didascalico, spero mi perdonerete la banalità.
Di solito questo argomento viene collegato astrologicamente ai valori della IX Casa e del segno del Sagittario. Lungi da me avanzare dubbi su questa attribuzione che mi pare sacrosanta. Devo dire però che l'esperienza mi ha fatto individuare il temperamento del viaggiatore anche in altri soggetti, nello specifico gli Uraniani, intendendo con questo coloro che abbiano nel tema di nascita l'astro particolarmente potente o importanti valori nel segno dell'Acquario.

Ho notato in questo tipo di viaggiatori una certa vena divulgativa. Mi viene per esempio in mente Folco Quilici con la sua congiunzione Sole-Urano (ma anche Giove in IX) che ha esplorato i più bei fondali marini del mondo. Un punto di vista, quello sottomarino, naturale per chi come Quilici ha una congiunzione Luna-Nettuno sulla cuspide della XII.
Ma probabilmente il personaggio più emblematico e carismatico di questo genere è Alexandra David-Néel, con la sua Luna in Acquario e Urano al MC. Una donna straordinaria che appena diciottenne scappò di casa in bicicletta e continuò a viaggiare per tutti i 100 anni della sua vita. Scrittrice ed esploratrice, studiosa di filosofie orientali e forse la prima a far innamorare l'occidente del Buddhismo.
E probabilmente la David-Néel è anche uno dei miti della viaggiatrice italiana più nota al grande pubblico: Syusy Blady (Acquario con Luna congiunta a Urano) che in compagnia di Patrizio Roversi (Acquario lui pure) ha fatto la turista per tutto il mondo, molto meno per Caso di quanto abbia dato a vedere.

domenica 31 luglio 2011

Asakusa, dialoghi fra passato e presente

Vi avevo già raccontato in un precedente post alcune impressioni sul mio recente viaggio in Giappone. Vorrei però spendere ancora qualche parola sul quartiere di Asakusa, che mi ha fatto da base per le mie vacanze edochiane.
Asakusa è quello che potrei definire il vero polmone spirituale di Tokyo, una specie di bolla temporale indifferente alla forsennata modernità della metropoli che le sta attorno.
L'atmosfera delle botteghe tradizionali è suggestiva ma una riflessione particolare la meritano i vari templi, che anche se antichi sembrano appena fatti. E in effetti è proprio così, dato che tutte le architetture tradizionali sono in legno e per conservarsi nei secoli debbono essere periodicamente ricostruite uguali a se stesse. Alla faccia della mania occidentale per il restauro filologico qui si è optato per una continua rigenerazione, che pone di fatto gli edifici sacri al di fuori del tempo e da qualsiasi logica di invecchiamento o trasformazione.

Il confronto con quello che c'è "fuori" dalla bolla a volte sembra impossibile...
Se Kannon/Guanyin decidesse di scendere sulla terra, e calzare gli enormi sandali posti sul tempio a lei dedicato, mi chiedo come reagirebbe nel vedere scagliarsi verso il cielo lo sfacciato Tokyo Sky Tree, rialzato in corso d'opera di qualche spanna per aggiudicarsi con i suoi 634 metri un primato d'altezza mondiale.

lunedì 11 luglio 2011

La Nascita dell'Astrologia

In uno dei primissimi post di questo blog vi segnalavo il bel libricino di Nicholas Champion In Cosa Credono gli Astrologi? Oggi vorrei porgere alla vostra attenzione un'altra lettura dello stesso autore, molto più impegnativa ma sicuramente degna del massimo interesse.
Si tratta del saggio La Nascita dell'Astrologia che ho recentemente acquistato in edizione Astrolabio (Con un esorbitante prezzo di copertina di 39 euro, forse un po' troppo per una semplice edizione in brossura). Come nel caso del titolo precedente va specificato che questo non è un libro di Astrologia ma sull'Astrologia, o meglio è uno studio completo e documentatissimo sulla storia dell'Astrologia occidentale, partendo dalla preistoria fino ad arrivare ai giorni nostri, passando per la Mesopotamia, la Persia, l'Egitto, il mondo greco e romano. Si tratta di una lettura interessante piena di citazioni che riesce a chiarire il percorso di questa disciplina attraverso i millenni e come essa abbia interagito con i diversi contesti culturali nei quali si è sviluppata. Un lettura preziosa e anche relativamente scorrevole rispetto ai temi trattati.

lunedì 13 giugno 2011

III Convegno Internazionale di Perugia

Vi segnalo che domenica 3 luglio si svolgerà la terza edizione del Convegno Internazionale di Astrologia promosso dall'Associazione Jayavidya con il patrocinio del comune di Perugia, dal titolo La Psiche Umana e La Volta Celeste. Tra i relatori ci saranno Grazia Bordoni, Meskalila Nunzia Coppola, Deborah Houlding e molti altri, in un programma che sembra davvero ricco di cose interessanti.
Per ogni ulteriore informazione vi rimando al sito dell'associazione alla pagina facebook dell'evento.

lunedì 6 giugno 2011

Resoconto del Convegno Astrologico Torinese 2011

Anche quest'anno vi propongo il mio resoconto del Convegno Astrologico Torinese, giunto alla sua undicesima edizione.
L'argomento di quest'anno era quello degni aspetti planetari.

Ha aperto il convegno Loris Brizio che ha parlato dei collegamenti fra Astrologia e Teosofia.
La cara amica Anna Gattai ha proposto una relazione molto interessante che, a mio parere, ha sollevato cruciali questioni concernenti gli aspetti fra i pianeti, dimostrando sensibilità psicologica e spirituale e solida padronanza della materia, anche nei suoi aspetti tradizionali.
Purtroppo Cristina Caretta non è potuta intervenire personalmente perché convalescente, la sua relazione è stata quindi letta da Chiara Capone. In questo intervento l'interpretazione degli aspetti è stata allargata ad una più ampia ottica mondiale, trattando argomenti che sono stati ripresi anche nella giornata di domenica da Grazia Mirti, parlando degli studi di Richard Tarnas (autore del best seller "Cosmos and Psyche").
Marco Gambassi nel suo bell'intervento ha parlato degli aspetti di Chirone. Ho approfittato della presenza di Marco per farmi autografare una copia della nuova edizione del suo "Le Basi Astronomiche dell'Oroscopo", un testo fondamentale che non può mancare nella biblioteca di uno studioso di Astrologia.
Dopo la pausa pranzo si è tenuta la meditazione guidata da Arianna Mendo, chi vi ha partecipato mi ha detto che è stata un'esperienza intensa ed appagante.
Quando è arrivato il mio turno ho iniziato esponendo alcuni dubbi concernenti la teoria degli aspetti per arrivare all'analisi del tema del regista George Lucas. Mi è stato detto che ho il pregio di tenere il pubblico sveglio... e questo mi pare già un ottimo risultato. La Forza è stata con me.

giovedì 2 giugno 2011

Guerre stellari su Torino!

Sono in partenza per Torino dove si terrà l'undicesima edizione del Convegno Astrologico Torinese.
L'argomento di quest'anno è quello degli aspetti astrologici che verranno affrontati sotto molteplici punti di vista, si parlerà infatti di Karma, di Chirone, di Atrologia Classica, di Astrologia Medica e molto altro ancora.

Per ulteriori informazioni vi rimando alla pagina facebook dell'evento.

P.S. La Forza scorre potente in questo convegno... non dimenticare a casa la spada laser.

sabato 28 maggio 2011

Tokyo, dialoghi fra oriente e occidente

Sono tornato dal mio viaggio a Tokyo e come promesso vi propongo qualche impressione, partendo dal dialogo fra oriente ed occidente. Ovviamente non mi riferisco al dialogo parlato, che si è rivelato più facile del previsto, ho trovato infatti nei giapponesi una sincera ed inattesa voglia di capire e farsi capire, lontana anni luce da certi snobbismi linguistici nordeuropei. Mi riferisco piuttosto al dialogo culturale che mi ha fatto scoprire un popolo innamorato dell'occidente, di un amore quasi ingenuo, al pari di una cotta adolescenziale.

E così capita che a Tokyo si veda una copia della Statua della Libertà (anche se molto più piccola di quella vera) e perfino una copia della Tour Eiffel (questa invece un po' più grande dell'originale), segnali di una devozione copiativa che si appropria assimilandoli dei simboli più scontati dell'occidente.

Entrambi questi scatti li ho fatti nei pressi dell'isola artificiale di Odaiba, un luogo che definirei spaziale, perché qui il futuro si è provato ad immaginarlo, un futuro splendente e tecnologico che ha avuto l'unico difetto di non essere mai arrivato, il ventunesimo secolo infatti ha corretto al ribasso i profili, non solo delle skyline e non solo a queste longitudini.

sabato 14 maggio 2011

In partenza per Tokyo

Sono in partenza per Tokyo, dove rimarrò fino alla fine di maggio. Al mio ritorno aspettatevi qualche foto e qualche commento sul paese del Sol Levante.
A chi invece passerà il weekend a Roma suggerisco di non perdere il seminario di Margherita Fiorello dal titolo Humores & Mores che si terrà domani alle ore 17:00 presso Bibliothè.

giovedì 5 maggio 2011

Urano, Nettuno e Plutone

Si chiude con i tre transaturniani la serie degli articoli di Maria Santucci dedicata ai pianeti.


Per chi se li fosse persi vi ricordo i precedenti articoli che riguardavano Sole e Luna, Mercurio, Venere, Marte, Giove, Saturno. Buona lettura!

domenica 1 maggio 2011

Storia di un ragazzino con una domanda sull'Astrologia

L'Astrologia entrò, non invitata, nella vita del piccolo Graziano quando lui aveva sette anni circa. Lo fece sotto forma dell'oroscopo nell'ultima pagina della guida ai programmi tv. Quello che allora lo affascinava tanto dell'oroscopo non erano le previsioni per i vari segni, di cui comunque riusciva ad apprezzare la sintetica vaghezza, ma i simboli zodiacali, che anni dopo avrebbe imparato a chiamare glifi. Passava ore a ricopiare quell'alfabeto magico traendone discreta soddisfazione. Finché un giorno, brandendo la guida tv contro il naso di sua madre, fece detonare la fatidica domanda:
"Come si fanno gli oroscopi?"
La poveretta aveva sufficiente sesto senso per capire che stava iniziando un guaio. Il piccolo Graziano era già abbastanza grande da aver imparato che mamma e papà non hanno tutte le risposte, era tuttavia ancora abbastanza giovane da cogliere il sottile piacere di mettere un genitore in imbarazzo.
La mamma, che ignorava perfino quanti fossero i segni zodiacali, riuscì a snocciolare una risposta che suonava più o meno così:
"Bisogna guardare il cielo con un telescopio"
E forse se la sarebbe anche cavata, avrebbe solo dovuto tenere duro per qualche secondo e, se necessario, ripetere l'affermazione argomentandola vagamente. Ma non lo fece, cedette alla pressione degli occhietti da diavolo indagatore di suo figlio e commise l'errore fatale, aggiunse una versione alternativa:
"O forse questi oroscopi se li inventano..."
Che dilettante. Va detto a sua discolpa che la domanda le venne posta mentre era intenta in estenuanti esercizi di solfeggio.
Fu così che la questione dell'Astrologia restò insoluta nella mente del piccolo Graziano, un dubbio che avrebbe dovuto attendere ancora diversi anni per trovare risposta.

sabato 16 aprile 2011

XI Convegno Astrologico Torinese

Si rinnova l'appuntamento con il Convegno Astrologico Torinese. Quest'anno il titolo sarà: Geometrie celesti, la Danza dei pianeti sullo Zodiaco nel reciproco confronto statico e dinamico. Questo è l'elenco dei relatori con i loro interventi:

LORIS BRIZIO
Aspetti astrologici, Karma e qualità delle vite

ANNA GATTAI
Gli specchi della Luna

CRISTINA CARETTA
Aspetti, Riflessioni, Esperienze, Ipotesi

MARCO GAMBASSI
Il Centauro Chirone e gli Aspetti angolari

PATRIZIA NAVA
Messaggeri di luce: l'aspetto di Transizione

ARIANNA MENDO
Medtazione sugli Aspetti Planetari

GRAZIANO VAGNOZZI
Guerre Stellari, geometrie fantascientifiche

ARMANDO PROFITA
L'interpretazione orientata degli Aspetti

ANNA RITA ROVERE
La celeste geometria degli Aspetti in Astrologia Medica

LUCIA BELLIZIA
Ritratti

CHRISTIANE NASTRI
La geometria del Cielo: i tre triangoli detti Dito del Mondo, dell'Uomo, di Dio

MARISA PASCHERO
L'energia del Grande trigono nella scrittura di alcuni significativi personaggi del mondo astrologico

Il convegno si terrà sabato 4 giugno 2011 a Torino presso l'Hotel Concord in Via Lagrange, 47 a Torino. Prossimamente vi anticiperò qualcosa riguardo al mio intervento. Durante il convegno verrà anche assegnato il Premio Serena Foglia di cui quest'anno sarà insignita l'amica Chiara Capone.

giovedì 7 aprile 2011

Principali significati delle Case Derivate: seconda parte

Torniamo ancora sull'argomento delle Case Derivate con la seconda parte (qui c'è la prima) dei più comuni significati derivati applicabili alle case astrologiche.

VII CASA: Nipoti (figli dei fratelli); andamento scolastico dei figli; amicizie con persone straniere; nonna materna e nonno paterno.

VIII CASA: Abitazione dei figli; guadagni del coniuge; luoghi di svago come teatro, stadio, campo sportivo...

IX CASA: Matrimonio dei fratelli, cognati e cognate; nipoti (figli dei figli); salute della madre.

X CASA: Suocero; background familiare del coniuge; salute degli amici stretti.

XI CASA: Genero e nuora; matrimonio dei figli; figli del partner (provenienti per esempio da precedenti unioni).

XII CASA: Retaggio religioso familiare; finanziamenti ricevuti da amici, alleati e protettori; traslochi.

Come al solito questo elenco di suggerimenti è ben lungi dall'essere completo di ogni possibile significato attribuibile per derivazione ad ogni casa. Questi però sono probabilmente i significati più facili da verificare e possono costituire un inizio per lo studio di questa affascinante tecnica interpretativa.

martedì 22 marzo 2011

Auguri a Franco Battiato... e qualche ringraziamento


Oggi facciamo gli auguri al maestro Battiato che festeggia il suo compleanno con un sito nuovo di zecca. A voi i commenti sul suo interessante tema natale.

Approfitto inoltre per fare alcuni ringraziamenti. Innanzitutto alle associazioni che negli ultimi mesi hanno ospitato le mie conferenze: Sagittarius a Forlimpopoli, sempre all'avanguardia nella ricerca astrologica; Apotélesma a Genova, che preserva e divulga i tesori dell'astrologia classica; Jayavidya a Perugia, che promuove l'astrologia spirituale e karmica. Associazioni dalle "mission" molto differenti ma che mi hanno fatto dono di squisita ospitalità. Ringrazio inoltre Luigi Stocchi che nel suo sito ha inserito un mio articolo. Un grazie infine va a coloro che seguono questo blog e mi contattano via email o su facebook.

venerdì 18 marzo 2011

Principali significati delle Case Derivate: prima parte

In un precedente post abbiamo affrontato il discorso delle Case Derivate, imparado cosa siano ed in quale modo si possano utilizzare. Oggi affronteremo quelli che sono i più comuni significati derivati delle prime 6 case astrologiche, ci concentreremo cioè su quei significati più facilmente riscontrabili, almeno secondo la mia esperienza personale e secondo gli insegnamenti di Grazia Mirti.

I CASA: Cassette di sicurezza, casseforti, depositi; nonna paterna e nonno materno; viaggi dei figli e loro possibilità di successo all'estero e negli studi universitari; Questioni legali del partner e sue faccende relative ad ex coniugi; amicizie dei fratelli.

II CASA: Realizzazione ed emancipazione dei figli; lasciti del coniuge e sue questioni ereditarie.

III CASA: Interessi e rendite economiche; salute del padre; amicizie dei figli; viaggi e trasferimenti del partner.

IV CASA: Redditi derivanti da opere editoriali; questioni economiche dei fratelli; carriera del coniuge; suocera.

V CASA: Rendite immobiliari; amicizie del partner.

VI CASA: Questioni finanziarie dei figli e loro guadagni; salute del coniuge.

Questi pochi significati possono essere un indirizzo per chi voglia cominciare a verificare il funzionamento delle Case Derivate. Prossimamente affronteremo le restanti case astrologiche.

mercoledì 23 febbraio 2011

Conferenza: Nettuno, Veleni & Misteri

La mia prossima conferenza si terrà il 12 marzo a Perugia, presso l'Associazione Culturale Jayavidya. Presenterò nuovamente il mio lavoro su Nettuno e l'avvelenamento, arricchito da nuovi casi.
Qui troverete le informazioni precise su dove si terrà l'evento, i dettagli sulla mia conferenza ed una panoramica su gli altri interessanti appuntamenti promossi da Jayavidya.

martedì 1 febbraio 2011

Come si calcola la Luna Nuova Prenatale?

In questo periodo ho ricevuto alcune mail da parte di persone che, avendo letto su questo blog della Luna Nuova Prenatale, mi chiedevano istruzioni su come realizzare la propria o mi chiedevano di ricevere il grafico già calcolato. Ho deciso quindi di dare qui le semplicissime istruzioni necessarie.

Innanzitutto per calcolare la propria Luna Nuova Prenatale non occorre un software specifico, saranno sufficienti delle buone effemeridi e gli strumenti che si utilizzano abitualmente per calcolare un tema natale, sia che lo si faccia a mano sia che si utilizzi un programma o un servizio online. Il primo passo è cercare nelle effemeridi il nostro giorno di nascita, a questo punto bisogna individuare l'ultimo novilunio che l'ha preceduto. La maggior parte delle effemeridi riporta in una tabella le fasi lunari (phases) con il giorno e l'ora in cui si verificano. La Luna Nuova è indicata chiaramente con un pallino nero e quella che precede la nascita potrebbe ovviamente anche essersi verificata il mese precedete rispetto a quello in cui si è nati. Una volta presa nota della data e dell'ora in cui si è verificato il novilunio sarà necessaria una semplice correzione di orario, i dati delle effemeridi infatti sono calcolati per il tempo universale e quindi occorre correggere con l'opportuno fuso orario del paese di nascita, tenendo conto anche dell'eventuale presenza dell'ora legale estiva.

domenica 16 gennaio 2011

Five Star Day

Una sorpresa astrologica ha aperto l'ultima edizione del Newport Beach Film Festival, si tratta della pellicola indipendente Five Star day.
Il film è la storia del viaggio intrapreso dal protagonista per confutare le teorie astrologiche. L'oroscopo infatti predice a Jake per il suo compleanno una giornata perfetta (da 5 stelle), giornata che invece si rivelerà a dir poco disastrosa. Jake decide allora di trovare i suoi gemelli astrali (coloro che sono nati lo stesso giorno, alla stessa ora e nello stesso luogo) e verificare se anche loro abbiano passato un compleanno sfortunato. Il percorso di rivalsa verso le stelle diviene però un viaggio iniziatico, il paragone fra la propria vita e quella dei suoi gemelli astrali infatti trasformerà profondamente l'esistenza del protagonista ed il suo rapporto con il destino.
Questo almeno è quanto si deduce dalle prime recensioni che iniziano a girare in rete, speriamo in un prossimo passaggio nelle sale italiane. Da tenere d'occhio.