mercoledì 21 aprile 2010

Allegrezza dei Pianeti nelle Case


Questo argomento è saltato fuori un po' per caso durante la mia ultima conferenza presso la delegazione CIDA Gruppo Astrologico Sagittarius, devo però confessare di avere un debito di riconoscenza verso Lucia Bellizia per l'indispensabile consulenza al riguardo.

Nell'astrologia moderna siamo abituati a giudicare la condizione di un pianeta unicamente rispetto al segno in cui si trova, e così diciamo che un pianeta può trovarsi nel suo domicilio, in esilio, in esaltazione o in caduta. Alcune autorevoli fonti classiche però, come ad esempio Retorio (VI secolo), attribuiscono anche una particolare forza ai pianeti se si trovano nella casa in cui si "rallegrano".
E così scopriamo che il Sole si rallegra nella nona casa, perché questo luogo ha a che fare con in principio di divinità maschile. La Luna al contrario si allegra nella terza casa che ha a che fare con il movimento e con la divinità femminile. Mercurio si rallegra nella prima casa che il luogo del logos. Venere e Giove si rallegrano rispettivamente nella quinta e undicesima casa, luoghi collegati alla fortuna a alle protezioni. Di contro Marte e Saturno si rallegrano rispettivamente nella sesta e dodicesima casa, luoghi collegati alle avversità e alle prove.

Provate a studiare questa antica tecnica e verificate se c'è un riscontro.
Vi invito anche ad esaminare l'immagine che ho inserito (che risale alla metà del XVI), potrete leggere i significati attribuiti ad ogni casa e paragonarli a quelli dell'astrologia moderna.

5 commenti:

  1. A parte che da me non si "rallegra" nessuno ^_^, sembra molto interessante come studio e comunque corrispondente parecchio alla visione moderna.
    Giove e Venere sono gli allegri che ho compreso meglio, poco Marte e Saturno che in 12a personalmente non ce li vorrei.
    Mi ha colpito molto il significato della parola "infermità" collegata alla 6a casa, fa riflettere molto su quanto affermano i portatori di un Sole in 6a, anch'io, circa il sentirsi prigionieri della quotidinaità, no?
    Baci!

    RispondiElimina
  2. Ho trovato anche interessante che nello schema la casa IV viene associata alle cose occulte, in effetti è molto sensato dato che è la casa della mezzanotte!

    Un bacione anche a te

    RispondiElimina
  3. Ciao Graziano,
    il termine "allegrezza"
    mi ha ricordato quello di
    "gioia", letto, a proposito
    delle dignità planetarie,
    sul "Piccolo Manuale di
    Astrologia" di Capone.
    In effetti, l'attribuzione
    è analoga, con la differenza
    che per la gioia vale il
    segno (ad es. per la Luna
    i Gemelli), mentre per
    l'allegrezza la Casa di
    appartenenza (per la Luna,
    la III).

    Mi consola, dunque, avere
    un Sole ed un Saturno
    "allegri" (Giove ce l'ho
    in V Casa). Pensa se fossero
    tristi..... :(

    RispondiElimina
  4. Carissimo,
    in effetti anche a me questa storia delle allegrezze ha subito richiamato alla mente le gioie, molte delle quali sono attribuite secondo un'ottica trigonocratica, seguendo quindi gli elementi. Queste allegrezze invece mi pare abbiano criteri di attribuzioni più esoterici.

    Anche il mio Sole in IX è piuttosto allegrotto! ^___^

    RispondiElimina
  5. un pianeta "allegro" è un pianeta che si sente a suo "agio" in un ambiente in cui può dare il meglio di se (si, il meglio.. .pure nel caso di SAturno e MArte, non credo nelle classiche divisioni in malefici e benefici, si tratta di energie diverse, ma non etichettabili). Sulle case mi ritrovo :) tant'è che ho stampato l'immagine e me la sono incorniciata :) da che testo è presa?? ciao Graziano

    RispondiElimina