martedì 9 giugno 2009

Resoconto del Convegno Astrologico Torinese 2009

Il convegno è stato aperto da Maria Grazia Granaglia che, con la consueta competenza nel campo dell'astrologia e dell'arte, ha presentato una selezionata scelta di pittori plutoniani. Segue Sarah Santi, profonda conoscitrice dell'astrologia karmica, con un interessante relazione su Plutone retrogrado. L'amico Stefano Romegetti, in un percorso che segue l'evoluzione dell'uomo, esplora il lato magico di Plutone. La grafologa Marisa Paschero ci presenta le scritture potenti, decise e sorprendenti dei plutoniani. Loris Brizio sviscera tutta la complessità del mito Plutoniano alla luce della conoscenza teosofica.
Il mio intervento ha trattato il tema del sadomasochismo attraverso la figura del Marchese de Sade, cercando di affrontare l'argomento in chiave ironica.
Dopo la pausa pranzo i congressisti dalle più spiccate doti meditative hanno intrapreso una meditazione plutoniana con la guida sapiente di Arianna Mendo. Sempre scintillante Annarita Rovere che presenta una carrellata di anti-eroi mafiosi ed eroi della legalità, legai fra loro dal fil rouge plutoniano. L'amico Rino Maneo, con la consueta geniale disinvoltura, fornisce una nuova lettura del pianeta passando dagli antichi miti sumerici all'archetipo dell'eroe mascherato. Lucia Bellizia, rigorosa studiosa di Astrologia Classica (che però estende il suo campo di interesse anche ai pianeti moderni), porta alla ribalta il problema delle latitudini celesti raggiunte da Plutone e come questo rischi di sfalsare la sua posizione nel tema natale.
Il Premio Serena Foglia è stato assegnato Christiane Nastri, la quale gratifica il pubblico con un intrigante studio sui rapitori di bambini, presentando diversi casi e approfondendo le similitudini astrologiche tra carnefici, complici e vittime. Rinnovo anche in questa sede le congratulazioni a Christiane e la ringrazio perché il mio intervento non avrebbe visto la luce senza il suo prezioso consiglio.
Angela Castello presenta un accurato lavoro su Plutone prendendo in considerazione anche i suoi rapporti con la Terra (intesa come undicesimo pianeta da inserire nel Tema), per ogni esempio è stato proiettato il tema eretto in modo classico ed eliocentrico. Marco Gambassi, studioso di stelle fisse ed autore di diversi libri di astrologia, presenta una relazione particolarmente interessante e ricca di esempi sorprendenti. Chiude il convegno lo studioso morpurghiano Massimo Michelini, che con lucido acume esplora le diverse attitudini sessuali generazionali attraverso l'esame della posizione di Plutone nei segni.

13 commenti:

  1. Ciao Graziano, pubblicheranno gli atti?

    RispondiElimina
  2. Gli atti si possono richiedere direttamente alla segreteria del Convegno: grazia.mirti[@]gmail.com
    Il volume (che mi pare costi 30 euro) comprende i testi e i grafici relativi a tutti gli interventi.
    Ciao!

    RispondiElimina
  3. Ciao Graziano,
    c'è qualcosa che ti ha
    turbato nell'ultimo mio
    commento sul tuo blog?
    Così, per sapere.
    ciao

    RispondiElimina
  4. :-D
    Grazie per il commento, CIAO!!!

    RispondiElimina
  5. b-right ma scherzi? I tuoi commenti sono sempre graditissimi!

    RispondiElimina
  6. Uhm, non è che mi sei
    diventato anche tu
    un pò piemontese dopo
    il convegno???? :)))

    Mi sembrava strano che
    tu non avessi commentato
    il mio post di astrologia
    sul mio blog, che è il
    primo di una serie e
    contiene i principi per
    me più importanti.

    Comunque non è una cosa
    necessaria, eh!

    cordiali saluti (il "cordiali"
    è d'obbligo, io sono piemontese
    da almeno tre generazioni :))))

    RispondiElimina
  7. Uehi... ce l'avrai mica con i piemontesi? ^_^
    Ahah... scherzi a parte, dev'essere stato un convegno dalle tematiche forti e profonde, sbaglio? Quando si parla di Plutone è così.
    B-right il tuo articolo, parlo per me eh, richiede tempo per essere assimilato, confrontato ecc... non hai scritto mica di argomenti leggeri e semplici.
    Io stessa son diverse volte che provo a commentare ma poi mi sembra di ripetere quanto abbiamo detto da me.
    Un salutone!
    p.s. bentornato Graziano, un bacio!

    RispondiElimina
  8. Ma come, Nia.
    Ogni buon Torinese o
    Piemontese, per understatment
    e masochismo genetico, critica
    se stesso. Io, benchè non me
    ne possa sottrarre, cerco di
    liberarmente e, anzi, sventolo
    una boria che quella meneghina
    al confronto impallidisce :)))
    Se leggi alcuni miei post vecchi
    te ne rendi conto.
    ciao

    RispondiElimina
  9. Sarà che sono una piemontese solo acquisita?
    Difatti poi ho letto...
    Ciao!

    RispondiElimina
  10. B- right di sicuro il tuo post mi è sfuggito tra i preparativi per il convegno, ora me lo cerco e rimedio!

    Ciao Nia, un bacione anche a te!

    RispondiElimina
  11. ho letto finalmente il tuo intervento :)!
    ottimo davvero.
    buona settimana!
    manu

    RispondiElimina