sabato 26 aprile 2008

Stelle barbariche

Ieri a Le Invasioni Barbariche intervista a Branko. Definito dalla Bignardi come "il più famoso astrologo italiano", Branko ha tenuto un profilo alquanto basso, prestando un fianco fin troppo scoperto alle punzecchiate della conduttrice (già innervosita per la precedente intervista ad un Paolo Villaggio più funesto che mai). Mentre ero ancora indeciso su quale opinione farmi di quanto visto in tv, ecco che l'elettrodomestico compie il consueto prodigio di commentare se stessa. Sulla medesima emittente va infatti in onda un sketch di Nino Frassica che veste i panni di un tristemente probabile Paolo Frax, il quale inizia le previsioni di ogni segno dicendo: "questo è il vostro anno..."

sabato 19 aprile 2008

Genitori e case astrologiche

Ecco un estratto dal mio ultimo articolo pubblicato su La Chioma di Berenice che tratta dell'attribuzione delle figure genitoriali ai settori del tema natale (qui troverete informazioni sulla rivista).

Le fonti classiche attribuiscono la IV Casa al padre e la X alla madre. In un interessante schema sulle "Le Mansioni Celesti" della metà del '500 si legge chiaramente:
La Casa 4 "Ha significato sopra terreni, cose stabili, occulte & sopra il padre."
La Casa 10 "Ha significato sopra signorie, dignità, magisteri & sopra la madre."

Fonti più recenti dimostrano invece un certo cambiamento di rotta. Nel suo celeberrimo Dizionario di Astrologia, Henri Gouchon così si esprime:
"Casa IV: Genitori, beni immobili, beni che non provengono da eredità"
"Casa X: Dignità, professioni, Casa della madre, Casa della memoria"

E' interessante notare come Gouchon riferisca la IV Casa ad entrambi i genitori e la X solo alla madre. André Barbault nel suo Trattato Pratico di Astrologia taglia la testa al toro in questo modo:
"Settore IV il mondo della famiglia, i genitori, la casa natale e poi il domicilio personale."
"Settore X il mondo sociale; la professione, la posizione, la carriera, la reputazione, gli onori."

Barbault quindi elimina il significato materno dalla X. Ciro Discepolo resta dell'opinione che la IV Casa si riferisca ad entrambi i genitori ma collega comunque la madre alla X spiegando che è la madre a darci le chiavi di casa e gli orari per rincasare, scandendo di fatto i ritmi della nostra emancipazione. Più vicino ai classici Tad Mann, seppure con argomentazioni all'avanguardia. Nella sua teoria sulla Time Life Astrology egli infatti identifica nel Medio Cielo il momento in cui l'embrione prende posto nel ventre materno, al Fondo Cielo invece fa corrispondere l'età di 3 anni e mezzo, in cui il bambino inizia a considerare il padre come figura genitoriale ben distinta dalla madre. Dane Rudyar, nel suo Le Case Astrologiche, glissa del tutto l'argomento evitando di parlare di genitori riferendoli esplicitamente all'una o l'altra Casa.
Molti astrologi moderni inoltre ribaltano completamente la teoria antica collegando alla Casa IV la madre e alla X il padre. Le argomentazioni a sostegno di questa posizione non sono da sottovalutare e presentano una certa logicità. La IV Casa infatti è significante del lunare Cancro e parrebbe in effetti più naturale riferirla alla madre, del resto è alla Luna che colleghiamo la maternità. La X Casa invece è significante del saturnino Capricorno che in effetti pare più severo e paterno. Anche l'astrologia indiana usa da sempre questo tipo di attribuzioni inverse.
Nella ricerca personale sull'argomento mi sono imbattuto nel libro ottocentesco Il Messaggio delle Stelle, di Max e Augusta Heindel; i due hanno un'opinione insolita sull'argomento:
"La Quarta Casa è quella del genitore che esercita l'influenza minore nella vita della persona"
"La Decima Casa è quella del genitore che esercita la maggior influenza nella vita della persona"

Questa idea non è priva di una certa coerenza astrologica, altre case infatti vedono nel campo opposto, al di sopra dell'orizzonte, una loro versione amplificata. I piccoli spostamenti e gli studi scolastici della III divengono grandi viaggi e ricerche filosofiche nella IX, i piccoli acciacchi della VI divengono malattie nella XII. Non pare quindi così assurdo pensare che nella IV Casa ci sia il genitore che meno incide nella nostra crescita e nella X quello che invece ha un ruolo più determinante (nel bene o nel male), quello con cui realmente ci confrontiamo per misurare la nostra vita, magari per desiderio o paura di emularlo.
Per quanto mi riguarda ho deciso si dare una chance a questa teoria.

sabato 12 aprile 2008

Buddhismo e Astrologia

In questo periodo si parla molto di Tibet. Mai abbastanza. Sulla scia di questi pensieri mi è stato segnalato un volume che avevo ingiustamente lasciato nel dimenticatoio. Sto parlando di Astrologia Buddhista, scritto dal maestro buddhista Jhampa Shaneman e dall'astrologa Jan V. Angel. Questo testo si prefigge di coniugare la pratica dell'astrologia occidentale con i principi del buddhismo. La prima parte del libro si occupa di una suggestiva ipotesi riguardo l'oroscopo di nascita del Siddhartha; il resto è in sostanza un manuale in cui vengono analizzate le posizioni dei pianeti rispetto alle case (ma non ai segni) e gli aspetti, il tutto nell'ottica della filosofia buddhista.
Vi propongo un passo della breve prefazione scritta dal Dalai Lama:
"Coloro che ricorrono regolarmente all'astrologia possono trarre una salutare ispirazione dalle pratiche buddhiste relative alla consapevolezza, alla compassione e alla saggezza nel momento in cui debbono prendere delle decisioni. In effetti sono convinto che la compassione e la saggezza non siano solo utili, ma necessarie in tutti gli aspetti della nostra vita quotidiana."

mercoledì 9 aprile 2008

Moro, 30 anni dopo


Ieri a Markette su La7 è stata ospite Maria Fida Moro. A 30 anni dal rapimento di Aldo Moro la figlia torna a raccontare le sue verità (forse scomode?) e a parlare di questo grande mistero italiano che ne contiene infiniti altri. Commovente il racconto delle piccole manie di Moro che si lavava continuamente le mani per paura dei germi (un atteggiamento classico per chi nasce nel segno della Vergine). Nel tema di Moro colpiscono i valori al Medio Cielo che preannunciano un destino fuori dal comune, il Sole è sulla cuspide della dodicesima casa e in quel terribile '78 del suo rapimento e uccisione riceveva il transito del Nodo Lunare.

domenica 6 aprile 2008

Compatibilità tra Segni (che fantasia!)

Amori Zodiacali è il nuovo libro di Antonio Capitani (di cui abbiamo apprezzato Il Tuo Segno la Tua Salute) dedicato alle affinità amorose. In sintesi si tratta di una raccolta di spiegazioni su tutte le possibili accoppiate tra i segni. Lo stile è come al solito divertente e frizzante. Un'ottima idea regalo per le amiche dai numerosi flirt che potranno portarlo in borsetta a pronta consultazione. Da prendere come un gioco sfizioso per tutti i neofiti dell'Astrologia ma quelli che ne sanno appena appena un po' di più lo possono tralasciare senza alcun rimorso.

giovedì 3 aprile 2008

Luna Nuova Prenatale

Voglio oggi parlarvi di una tecnica di cui io stesso ignoravo l'esistenza fino a qualche anno fa. Si tratta del tema di Luna Nuova Prenatale, ovvero l'oroscopo calcolato per il momento dell'ultimo novilunio precedente la nascita. Questo tema influenza i nati tra un novilunio ed il successivo e può essere un'utile integrazione alla lettura del tema di nascita personale.
Esistono molti software che calcolano il tema della Luna Nuova. Anche se non disponete di questi strumenti potrete ugualmente controllare sulle effemeridi quando si è verificata la Luna Nuova che ha influenza su di voi e trarre qualche interessante osservazione. Ad esempio se il novilunio precedente alla vostra nascita non si è verificato nel vostro segno ma in quello precedente sarete influenzati anche da quest'ultimo.
Personalmente trovo questo metodo interessante e lo uso soprattutto quando non conosco l'orario di nascita di un individuo per supplire alla mancanza di informazioni.
Grande esperta di questa tecnica in Italia è Grazia Mirti, vi propongo un suo breve pensiero sull'argomento:

"Ho iniziato molti anno fa a redigere il Tema della Luna Nuova, e sempre più sono convinta che essa rappresenta una chiave di lettura insostituibile, un'alleata preziosa per il nostro cammino interpretativo in astrologia. Essa esprime il ciclo più breve in Cielo, attraverso la congiunzione dei due formidabili Luminari, il Sole e la Luna, nel loro ritmico incontro del Novilunio. Misterioso perché buio, apparentemente ripetitivo ma sempre differente, mutando segno zodiacale mese per mese. Dominatore di ciò che accade nel suo pur breve regno stellare."

martedì 1 aprile 2008

Saturno e i cuori senza età

Quest'anno compirò 30 anni. Traguardo molto importante per un individuo dato che coincide con la chiusura del ciclo di Saturno, il quale impiega appunto pressappoco 29 anni per tornare nel punto dello zodiaco che occupava al momento della nascita. E' di solito il momento in cui si comincia a pensare che alcune delle cose che sono passate siano fatalmente migliori di quelle che verranno. Chissà poi se le cose passate fossero realmente migliori o non fossimo magari noi a goderne in un modo più immediato e spontaneo come forse non ci riesce più di fare.


Tutto questo per dirvi che la saggezza dei miei quasi 30 anni mi permette di sentenziare che una serie bella come questa non la faranno mai più. Sto parlando di The Golden Girls (trasmesso in Italia col titolo Cuori Senza Età), popolare serie tv anni '80 che aveva come protagoniste quattro arzille signore interpretate magistralmente da Bea Arthur, Estelle Getty (le due pur essendo coetanee recitavano il ruolo di figlia e madre), Betty White e Rue McClanahan.
Descrivere la straordinaria ironia di questo gioiello televisivo non è forse possibile. La serie ha avuto talmente successo da protrarsi per ben sette stagioni (ahimè, in Italia sono stati pubblicati in dvd solo i primi tre cofanetti).
Godiamoci la leggendaria sigla non senza un po' di nostalgia tutta saturnina...