venerdì 11 luglio 2008

Lilith/Luna Nera, regina della notte di Babilonia

Vi ho già segnalato passepartout come una delle migliori cose che passino per il piccolo schermo. In una recente puntata Philippe Daverio ha commentato quello che viene comunemente chiamato il Rilievo Burney, il quale altro non è se non la raffigurazione di Lilith, regina della notte dei babilonesi. In effetti è straordinario notare come quest'opera del secondo secolo avanti Cristo sintetizzi in se una grande moltitudine di simboli di diverse culture: le ali ci ricordano gli angeli e i piedi artigliati i diavoli, l'insieme al contempo rimanda alla figura dell'arpia dei miti greci, come pure le civette che sono le stesse che accompagnavano Atena, perfino i bastoncini curvi nelle mani paiono stetti parenti dell'ankh egizio. I leoni sotto i piedi invece parlano forse un linguaggio più astrologico, questa Regina della Notte infatti vuole sovrastare il Sole (che governa appunto il segno del Leone).
Quando parliamo della Lilith astrologica dobbiamo subito fare chiarezza: nei tempi passati infatti con questo nome si identificava un ipotetico secondo satellite terrestre. La Lilith di cui si occupano gli astrologi di oggi invece altro non è che l'apogeo dell'orbita lunare, anche detto Luna Nera. E' prassi collegare questo elemento alla sessualità, devo però dire che l'esperienza personale non ha mai dato grandi conferme in questo senso. Quello che invece ho potuto constatare in molteplici occasioni è che la casa astrologica del nostro tema natale che contiene la Luna Nera rappresenta per noi un campo di forte frustrazione, rimpianto e senso di ingiusta privazione. A volte questi sentimenti negativi non hanno un vero riscontro nella realtà oggettiva ma ricoprono comunque un forte peso nella realtà soggettiva dell'individuo. Allo stesso modo la casa in cui transita Lilith rappresenta solitamente il settore di maggiore preoccupazione in quel momento. Queste verifiche sono molto facili da fare e danno sempre risultati interessanti.
Utilizzo la Luna Nera fin da quando ho iniziato i miei studi astrologici e ho sempre nuove riprove della sua validità e importanza.

9 commenti:

  1. Sono sempre stata affascinata dal mito "Lilith", come te, trovo utile inserire i suoi significati nei temi natali, trovo che per alcune persone sia fondamentale conoscerne la posizione (casa e segno) poichè completano il puzzle, toglie punti interrogativi all'interno di un'interpretazione. Dimmi, hai scritto altro? E' la prima volta che visito questo sito, mi piacerebbe approfondire. Cordialmente. Mary

    RispondiElimina
  2. Cara Mary benvenuta!
    Visto che è la prima volta che leggi questo blog ti do un piccolo aiuto per la navigazione: Se clicchi in alto sul titolo "Effemeridi" vai alla pagina principale che contiene gli ultimi aggiornamenti. Nella barra di lato puoi trovare un archivio con tutti i vari contenuti di questo sito in ordine cronologico. Poco più sotto trovi la sezione THE BEST OF EFFEMERIDI che contiene una raccolta degli argomenti più interessanti.
    Ti saluto cordialmente e ti ringrazio per l'intervento!

    RispondiElimina
  3. Forse il suo antico essere regina e signora della notte rende agevole collegarla al lato d'ombra, e quindi in linea con quanto da te scritto circa la casa che la contiene.
    La mia è in 7a, congiunta al Sole e al DSC e le simbologie della 7a in effetti per me sono molto importanti.
    Io però non l'ho ancora approfondita.
    Potresti suggerirmi a riguardo un buon testo?
    Grazie, come sempre ci sono argomenti utili e molto interessanti.
    Un abbraccione!
    mira

    RispondiElimina
  4. Cara Mira, questo è un punto dolente, non ci sono attualmente in commercio in Italia libri esaurienti sull'argomento...
    Si può ancora trovare però il bel testo di Roberto Sicuteri (edito da Astrolabio) che si occupa molto della parte legata al mito. Al momento non saperi consigliarti cose più recenti.

    RispondiElimina
  5. Ok, grazie lo stesso... Sicuteri è già in lista! ^_^
    mira

    RispondiElimina
  6. Gli artigli e le ali sono del Falco (poi Scorpione) che infatti è "quadrato" al Leone, senza che nessuno dei due riesca a domare l'altro, anche perchè Falco e Leone hanno domini diversi...il Leone non vola.
    La riproduzione (V) ha comunque bisogno che esistano cicli vita-morte, azione-riposo, perchè l'eternità è immobile, quindi esclude vita e crescita.
    In questa immagine Lilith non sta schiacciando i Leoni, poggia sui due Leoni che sembrano riposarsi. Le civette sorvegliano (e forse vegliano) su questo temporaneo riposo rigenerante.
    E' vero anche che il Falco è un predatore di velocità e potenza equivalente al Leone (anche se ha uno stomaco più piccolo...), carnivori entrambi: a ricordarci che si DEVONO altenare momenti sì e momenti no, l'attività e il riposo.
    Il Falco, nei secoli, è stato addomesticato e può essere un compagno allego e fedele per l'uomo. Forse per questo si scelse lo Scorpione?
    Ovvia la rispondenza donna-Acqua.

    No?

    RispondiElimina
  7. Mi viene in mente che questa contrapposizione Lilith-Leone l'ha utilizzata anche C.S. Lewis nelle sue Cronache di Narnia. In queste sue favole identifica la Strega Bianca come "figlia di Lilith", mentre sottintende fra le righe un parallelismo tra la figura del Leone Aslan ed il Cristo.

    Comunque la si voglia leggere l'immagine del Rilievo Burney ha un'incredibile forza (e permettetemi anche una sorprendente freschezza estetica, se contiamo che ha qualche migliaio di anni).

    RispondiElimina
  8. se volete rivedere la puntata di "passepartout" con la lettura del rilievo di Lilith ( e non solo)potete andare sul sito www.raiclick.rai.it e scegliere la voce "sapere" e poi "arti".
    buona giornata
    melissa

    RispondiElimina
  9. Grazie per la segnalazione Melissa!

    RispondiElimina